Una famiglia tormentata da insulti e insulti razzisti attraverso la videocamera Nest hackerata

salva il nido delle offerte di sicurezza

I sistemi intelligenti di sicurezza domestica dovrebbero fornire alle persone un senso di sicurezza, ma possono anche aprire famiglie fino ad un altro tipo di invasore domestico. Una famiglia in Illinois, purtroppo, è stata vittima di uno di quegli invasori, un hacker che è riuscito a dirottare una telecamera di sicurezza Nest e usarlo per schernire e terrorizzare i padroni di casa.

La famiglia Sud di Lake Barrington, Illinois, ha detto di aver iniziato a sentire voci nella loro casa la domenica sera, prima dalla camera da letto e poi al piano di sotto in cucina. La famiglia aveva appena finito di mettere a letto il loro bimbo di 7 mesi quando è stato presentato lo spavento, secondo i resoconti forniti alle agenzie di stampa locali CBS di Chicago e NBC 5 .

Dopo aver controllato l'asilo e assicurandosi che non ci fosse un intruso in casa, la coppia iniziò a cercare la fonte del suono. Mentre pensavano che potesse essere un baby monitor, scoprirono presto che le voci provenivano da una telecamera di sicurezza Nest. Secondo la famiglia, gli hacker hanno iniziato a urlare parolacce e insulti razzisti, schernendo la famiglia mentre li guardavano attraverso il feed della telecamera di sicurezza.

Mentre le provocazioni erano dirompenti e offensive, erano anche fisicamente innocue. Ma poi gli hacker sono riusciti a dirottare anche il termostato della famiglia. La famiglia afferma che a un certo punto hanno abbassato la temperatura fino a 90 gradi nel tentativo di scomodare i residenti della casa. Invece di permettere che l'attacco continuasse, la famiglia scollegò le telecamere e chiamò Nest per risolvere il problema.

Come spesso accade con questi tipi di violazione, è probabile che la famiglia non abbia modificato la password predefinita fornita per i dispositivi Nest o abbia riutilizzato una password accessibile online. Nest avrebbe riferito alla famiglia che l'impostazione di una password univoca e l'utilizzo dell'autenticazione a due fattori, che richiede al proprietario del dispositivo un codice secondario generato in modo casuale per confermare la propria identità, avrebbe prevenuto l'attacco.

Queste violazioni di terze parti sono diventate sempre più comuni negli ultimi mesi. Un uomo in Arizona ha affermato che un hacker gli ha parlato attraverso la sua videocamera Nest per avvertirlo di una vulnerabilità nel dispositivo. In un altro hack segnalato, una famiglia californiana è stata vittima di una falsa trasmissione del sistema di emergenza che è stata consegnata attraverso una telecamera Nest rotta.

( Fonte )

Precedente Perché utilizzo FreeTaxUSA anziché TurboTax o H & R Block to File Taxes Successivo Snapchat finalmente recupera dalla sua riprogettazione - quindi ecco che arriva un aggiornamento Android

Rispondi