Ragazzi, giovani adulti hanno condiviso volontariamente dati privati ​​con Facebook per contanti

Le politiche sulla privacy di Facebook hanno suscitato molte critiche nei confronti dell'azienda, ma alcuni adolescenti e giovani adulti accettano volentieri la rete per accedere ai dati dello smartphone in cambio di qualche soldo. Dopo che un rapporto investigativo di Tech Crunch ha suggerito che l'app ha violato le linee guida dell'App Store, l'app Facebook Research VPN non è più disponibile per iOS, mentre la versione di Android sembra essere disponibile.

L'app Ricerca di Facebook raccoglie dati di utilizzo ed esamina l'attività degli utenti degli smartphone. In cambio, Facebook invia ogni utente fino a $ 20 al mese per i dati. L'app è disponibile per gli utenti di età compresa tra 13 e 35 anni, mentre gli utenti possono anche guadagnare "commissioni di riferimento".

Secondo Tech Crunch, i dati raccolti dall'app erano diffusi e includevano anche lo screenshot della cronologia degli acquisti di Amazon. Sebbene l'estensione dei dati utilizzati nell'app non sia chiara, il livello di accesso suggerisce anche elementi come chat private, e-mail e informazioni sulla posizione che potrebbero essere raccolti dall'app. Tech Crunch dice che l'app è stata distribuita utilizzando tre programmi per le app di beta test.

Dopo il rapporto, Facebook ha dichiarato che ritirerà l'app da iOS, ma Apple sembra battere la rete nel rimuovere l'app, bloccando l'app martedì 29 gennaio. L'app ha violato il contratto di App Store utilizzando il Programma di sviluppo Enterprise per non -employees. Il programma è progettato solo per l'uso all'interno di un'azienda o organizzazione, Apple ha detto.  

L'app Facebook Research condivide le somiglianze con i precedenti sforzi di Facebook per raccogliere i dati degli utenti dopo aver acquisito un'azienda chiamata Onavo . La società ha utilizzato la tecnologia per le metriche come confrontare il numero di messaggi WhatsApp con l'attività di Messenger. Anche le app correlate derivanti da Onavo sono state rimosse dall'App Store per violazione delle norme sui dati.

Facebook afferma che l'app non è un'app "segreta" e afferma che l'app ha chiaramente delineato la raccolta dei dati. Secondo la rete, meno del 5% degli utenti erano adolescenti, i quali avevano anche firmato un modulo di consenso dei genitori.

Il modello di business di Facebook è costruito in gran parte su pubblicità mirata, consentendo alle aziende di raggiungere un pubblico specifico utilizzando i dati degli utenti per indirizzare gli annunci (dati che l'inserzionista non vede). L'app di ricerca ha restituito alcuni di questi vantaggi monetari all'utente, ma ha avuto accesso a una serie molto più ampia di dati, come i messaggi privati ​​e l'utilizzo di altre app.

( Fonte )

Precedente iRobot annuncia il rasaerba robotico a mani libere chiamato Terra Successivo Windows 10 e Xbox One per ottenere supporto per DTS: suono spaziale X.

Rispondi