Oculus VR potrebbe aggiornare la Rift con un nuovo display nel 2019

oculus quest review 2

Oculus potrebbe concentrarsi maggiormente sul rendere l'hardware della realtà virtuale più accessibile rispetto ai confini tecnologici, ma un nuovo rapporto suggerisce che prevede di aggiornare le sue cuffie Rift PC VR nel 2019. Il modesto aggiornamento, che si dice essere noto come Rift S, sarebbe introdurre uno schermo a risoluzione più elevata e aggiungere tracciamento interno, rendendolo effettivamente una versione con connessione PC del proprio auricolare Oculus Quest .

Mentre Pimax e HTC hanno rilasciato nuovi hardware VR high-end come Vive Pro nel 2018, Oculus si è concentrata maggiormente sullo sviluppo delle sue soluzioni di fascia bassa. Ha lanciato Oculus Go all'inizio del 2018 e, più recentemente, Oculus Quest, entrambi dotati di cuffie VR wireless con monitoraggio e elaborazione a bordo, che non richiedono l'utilizzo di hardware aggiuntivo. Le loro immagini non sono così impressionanti come le soluzioni legate al PC come Rift, nonostante il loro hardware aggiornato.

Oculus si aspettava da tempo che iniziasse a lavorare su una cuffia Rift di seconda generazione all'indomani del rilascio di Quest, ma recenti rapporti suggeriscono che potrebbe non essere più così . Tra le voci sulla Rift 2 che è stata accantonata almeno per ora, la Rift S è emersa come un potenziale progetto futuro, riferisce TechCrunch .

Presumibilmente la Rift S avrebbe abbandonato le telecamere di tracciamento esterne della Rift, optando invece per utilizzare gli stessi sensori di tracciamento montati sulla cuffia di Oculus Quest. Ciò potrebbe presentare alcuni problemi con l'occlusione del controller, sebbene il processo di installazione sarebbe notevolmente più semplice.

Le fonti di Oculus hanno anche suggerito che la Rift S avrebbe un display aggiornato, molto probabilmente lo stesso utilizzato nell'Oculus Quest, che presenta 1.600 x 1.440 pixel per occhio, per una risoluzione totale superiore persino a Vive Pro.

Pubblicamente, Oculus non tiene conto delle sue future versioni hardware, rispondendo a una richiesta di commenti: "Mentre non commentiamo le voci / speculazioni sui nostri prodotti futuri, come abbiamo condiviso la settimana scorsa, PC VR rimane una parte della nostra strategia ed è una categoria in cui continueremo ad investire. Oltre all'hardware, disponiamo di una robusta roadmap del software e stiamo finanziando i contenuti fino al 2020 ".

Sebbene Oculus sembri avere delle differenze creative con il suo ex CEO, il targeting di una migliore accessibilità con la realtà virtuale è più in linea con i pensieri di uno dei suoi altri co-fondatori, il malvagio Palmer Luckey. Di recente ha scritto su come la realtà virtuale debba offrire un'esperienza quasi perfetta prima che i consumatori la adottino in massa.

( Fonte )

Precedente Controlla la tua casa intelligente dalla doccia con questo diffusore a prova di schizzi Successivo Flickr limita gli utenti gratuiti a 1.000 foto

Rispondi