Niente più caccia all’oca selvaggia: “Duck.com” ora conduce a DuckDuckGo invece di Google

Foto CEO di DuckDuckGo
DDG Stampa foto / DuckDuckGo

Gli utenti attuali e potenziali di DuckDuckGo ora hanno un altro modo per accedere al famoso motore di ricerca senza tracciamento.

Lunedì 10 dicembre è stato confermato a NamePros che DuckDuckGo aveva acquisito un nuovo nome di dominio più breve per la pagina principale del suo motore di ricerca: duck.com. Duck.com ora reindirizza gli utenti su DuckDuckGo.com.

Secondo la dichiarazione del CEO di DuckDuckGo, Gabriel Weinberg (nella foto sopra) emessa per nomePros, il nome di dominio è stato acquisito da Google. Fino a poco tempo fa, la proprietà del nome del dominio duck.com da parte del gigante di ricerca ha portato gli utenti a essere reindirizzati alla pagina del motore di ricerca di Google.

DuckDuckGo è stata fondata nel 2008. Google ha acquisito originariamente il dominio duck.com tramite l'acquisizione di On2 Technologies nel 2010, poiché On2 era stata precedentemente conosciuta come Duck Corporation .

Un'indagine del TNW del 2012 con Weinberg indica che il recente trasferimento da parte di Google della proprietà del dominio duck.com non è stato facile. Infatti, Weinberg aveva cercato di acquistare il dominio da Google fino a novembre 2009, solo un anno dopo la creazione della sua società di motori di ricerca incentrata sulla privacy. Ma Weinberg è stato sostanzialmente rifiutato perché Google non era interessato a vendere il dominio duck.com, optando invece per reindirizzare gli utenti alla propria pagina di ricerca.

E come osserva TechCrunch , la prima battaglia di DuckDuckGo per acquisire un dominio che fosse chiaramente più adatto per il proprio marchio piuttosto che per quello di Google ha l'aspetto di una mossa anticoncorrenziale di Google contro DuckDuckGo.

Come Weinberg ha sottolineato nella stessa intervista di TNW, Google possedeva anche "molti domini che non puntano da nessuna parte, o non alla loro pagina di ricerca principale", che in contrasto con il modo in cui il dominio duck.com era inizialmente gestito da Google, potrebbe indicare una decisione deliberata di Google per allontanare il traffico dal suo concorrente, DuckDuckGo.

Tutto sommato, sembra ragionevole pensare che la recente mossa di Google di rilasciare il dominio a DuckDuckGo possa essere un deciso passo indietro rispetto a quello che sembra un comportamento anticoncorrenziale, specialmente alla luce delle recenti indagini antitrust sul dominio percepito di Google nella ricerca web e nel sistema operativo dello smartphone sviluppo.

DuckDuckGo è un motore di ricerca Internet che enfatizza la protezione della privacy degli utenti e l'eliminazione della bolla di filtro dei risultati di ricerca personalizzati.

( Fonte )

Precedente L'IGP next-gen di Intel ottiene la sincronizzazione adattiva, una soluzione grafica discreta chiamata 'Xe' Successivo Come spostarsi oltre le recensioni online e acquistare in modo più intelligente

Rispondi