LinkedIn finalmente arriva a lanciare la sua versione di Storie

Ehi, LinkedIn, cosa ti ha portato così tanto tempo? Il social network rivolto principalmente ai professionisti ha finalmente sentito parlare di Stories, un servizio iniziato da Snapchat e copiato da quasi tutti gli altri servizi di social media da allora. E sì, che ora include LinkedIn.

Attualmente è in fase di test per gli studenti statunitensi e neolaureati che utilizzano l'app LinkedIn, da cui il nome: "Voci degli studenti".

La funzione ti consente di pubblicare brevi video, ma non le foto, come una raccolta per far divertire gli altri. Il post scompare dopo sette giorni, sebbene possa essere ancora visualizzato visitando la sezione Attività recenti dell'utente, accessibile tramite il loro profilo.

Ma prendi nota: LinkedIn ha messo il suo timbro personale sulla sua caratteristica Storie, incoraggiando gli utenti ad aggiungere video che dicono qualcosa di interessante e positivo su se stessi.

"È un ottimo modo per gli studenti di costruire il proprio profilo e avere questo contenuto autentico che mostra chi sono e quali sono state le loro esperienze accademiche e professionali", ha detto a TechCrunch la product manager LinkedIn Isha Patel. "Avere questi video in diretta sul loro profilo può aiutare gli studenti a far crescere la loro rete, prepararsi per la vita dopo la laurea e aiutare i potenziali datori di lavoro a saperne di più su di loro".

Patel ha notato come gli studenti si divertono a usare i loro smartphone per catturare momenti speciali in video, "quindi abbiamo creato questo nuovo prodotto per aiutarci a connettersi tra loro attorno a esperienze condivise nel campus per creare un senso di comunità." Finché i video sono sparati con la loro faccia sensata su piuttosto che la confusione incasinata di una tazza registrata durante alcune bizzarre buffonate alcoliche, quindi dovrebbero andare bene.

Infatti, LinkedIn desidera sottolineare che prevede che gli studenti utilizzino la funzione per condividere le loro esperienze accademiche come stage, fiere di carriera e progetti di classe che aiutano a dire ai potenziali reclutatori di più su se stessi.

Secondo TechCrunch, la società prevede di distribuire le voci degli studenti a più persone sulla sua piattaforma nel tempo, ma per ora è ansioso di vedere come va a finire con i suoi utenti più giovani.

Con Instagram , Facebook, WhatsApp, Twitter e altri che seguivano Snapchat con le loro versioni di Storie, era solo una questione di tempo – anche se un tempo piuttosto lungo – prima che LinkedIn avesse inventato i suoi sforzi.

La nuova funzione sembra un'offerta di LinkedIn per attirare un pubblico più giovane verso la sua piattaforma che spera di rimanere fedele al servizio per tutta la sua carriera.

Ovviamente, se Student Voices risulta essere un flop, senza dubbio andrà allo stesso modo di Skype Highlights , un altro sforzo simile a Stories che alla fine la società di proprietà di Microsoft ha realizzato "non risuonava con una maggioranza di [sua ] utenti. "

( Fonte )

Precedente Deepfakes Explained: L'intelligenza artificiale che rende falsi i video troppo convincenti Successivo 12 siti di sfondi scuri che sono perfetti per il tuo desktop

Rispondi