La parola dell’anno è … disinformazione

È quel periodo dell'anno in cui varie pubblicazioni decidono il loro "…" dell'anno. E nel caso dei dizionari è la parola dell'anno. Dictionary.com ha deciso che la sua parola dell'anno per il 2018 è "disinformazione". Che, ironia della sorte, non è disinformazione.

Quando la disinformazione diventa disinformazione

La disinformazione è una parola che, secondo Dictionary.com , esiste dal 1500. Tuttavia, il suo utilizzo si è diffuso negli ultimi anni grazie alla diffusione della disinformazione diffusa attraverso fonti di notizie distorte e utenti dei social media.

Dictionary.com definisce la disinformazione come "informazione falsa che viene diffusa, indipendentemente dal fatto che ci sia intenzione di indurre in errore". Questo la separa dalla disinformazione, che è descritta come "informazioni deliberatamente fuorvianti o tendenziose".

Mentre la disinformazione è la fonte di molti problemi che stiamo vedendo nella società, la disinformazione sta peggiorando le cose. E questo è principalmente dovuto al fatto che gli utenti dei social media condividono le cose senza prima verificare la veridicità delle informazioni.

Questa cieca diffusione della disinformazione ha avuto conseguenze reali. Le elezioni sono state influenzate da persone che credono in ciò che leggono. La salute delle persone è stata influenzata da storie di paura. E gli individui sono stati presi di mira dalle voci iniziate online.

Questo è il motivo per cui Dictionary.com ha scelto la disinformazione come parola dell'anno. E perché tutti noi, ognuno di noi, dobbiamo fare meglio in questo settore. Non ci vuole molto per verificare i fatti prima di ripubblicare, retwittare o condividere qualcosa che vuoi essere vero.

Come fermare la diffusione della disinformazione

I secondi classificati di Dictionary.com includono la "rappresentazione", come nella rappresentazione delle minoranze etniche, "autoprodotte", come in Kendal Jenner che è un miliardario autodidatta, e "reazione", come nella celebrità del giorno vivendo un contraccolpo su qualcosa che hanno detto.

In termini di disinformazione, tocca a noi tracciare la sua rovina. Che purtroppo richiede un po 'di compiti a casa. In primo luogo, insegnati come individuare notizie false . Quindi, aggiungi ai segnalibri questi siti Web imparziali che controllano i fatti . E infine, impara a fidarti del tuo istinto!

Immagine di credito: John Davey / Flickr

Leggi l'articolo completo: La parola dell'anno è … disinformazione

Fonte: makeuseof.com

Precedente Presto userai DSLR e GoPros come webcam con Cam Link di Elgato 4K Successivo I lampadari pazzi e bizzarri che puoi comprare su Amazon

Rispondi