La nuova funzionalità di Chrome mirava a impedire ai siti Web di bloccare la modalità di navigazione in incognito

Foto di Google Chrome
PhotoMIX Ltd./Pexels

Si prevede che una nuova funzionalità di Chrome, da includere nelle future versioni del browser di Google, risolva finalmente una scappatoia ben nota che consente ai siti Web di rilevare e bloccare l'utilizzo della navigazione in modalità di navigazione in incognito.

Secondo 9to5Google , gli sforzi di Google di implementare una correzione per la scappatoia sono stati individuati nella pagina web di gestione del codice sorgente di Chromium Gerrit .

La scappatoia che Google sta tentando di risolvere implica l'utilizzo dell'API "File System" di Chrome. Fondamentalmente, questa API deve essere disabilitata per consentire agli utenti di utilizzare la modalità di navigazione in incognito come previsto.

Ciò significa che i siti web possono stabilire se stai utilizzando la modalità di navigazione in incognito semplicemente controllando se l'API di Chrome è abilitata mentre provi ad accedere a un sito. Se l'API è disabilitata, alcuni siti Web la rileveranno e blocceranno l'utilizzo della Modalità di navigazione in incognito.

E ti blocceranno. Come hanno notato sia 9to5Google sia Engadget , i siti con paywall come The Boston Globe sono particolarmente motivati ​​a bloccare gli utenti che utilizzano la modalità di navigazione in incognito per ignorare i requisiti di abbonamento a pagamento.

La soluzione di Google a questa lacuna sembra abbastanza semplice: quando viene richiesto da un sito Web di fornire la sua API FileSystem, genererà semplicemente un file system temporaneo con la RAM di un computer da utilizzare quando è in uso la modalità di navigazione in incognito. Durante l'utilizzo, i siti di terze parti non saranno in grado di rilevare le API disattivate di Chrome a causa del file system temporaneo. Una volta che Chrome è stato chiuso, il file system temporaneo verrà eliminato.

La correzione della scappatoia dovrebbe essere disponibile per la prima volta nella build Canary di Chrome 74, con l'uso di una bandiera. In seguito, la funzione dovrebbe essere disponibile per impostazione predefinita in Chrome 76. Secondo la pagina web di Chromium Dash , la versione stabile di Chrome 74 è prevista per il 23 aprile. La versione stabile per Chrome 76 è prevista per il 30 luglio.

Tuttavia, vale la pena notare che 9to5Google ha anche riferito che la nuova funzionalità potrebbe essere uno sviluppo temporaneo nel suo complesso, dal momento che Google potrebbe eliminare completamente l'API FileSystem.

Infatti, secondo i documenti ottenuti da 9to5Google, Google sta considerando la rimozione del sistema API perché l'API sembra essere utile solo agli sviluppatori web che sperano di sfruttare la scappatoia in modalità Incognito.

( Fonte )

Precedente Netflix ha annullato tutti i suoi programmi Marvel Successivo Nvidia promette che il DLSS a bassa risoluzione sarà "la priorità assoluta" nei futuri aggiornamenti

Rispondi