La donna dice che un ex partner violento ha usato la tecnologia della casa intelligente per perseguitarla, molestarla

donna perseguitata da ex violento con la tecnologia smart home 31793704233 e8b589f0e1 k
Informedmag / Flickr

I servizi di casa intelligente sono spesso posizionati in un modo che suggerisce che ci renderanno più sicuri. Ma cosa succede se quella tecnologia cade nelle mani di un violentatore? Una donna ha affermato di essere stata perseguitata e perseguitata da un ex partner utilizzando la tecnologia della casa intelligente, secondo un rapporto della CBC .

Ferial Nijem ha condiviso la sua storia con la pubblicazione canadese, sottolineando come tutto collegato a Internet possa mettere una persona in una situazione pericolosa se usata con intenti malevoli. Secondo Nijem, il suo partner avrebbe spesso controllato le sue telecamere di sicurezza posizionate intorno alla casa. L'avrebbe tenuta d'occhio anche a migliaia di chilometri da casa. L'avrebbe controllata costantemente tramite FaceTime, richiedendole di mostrargli se era con qualcun altro.

Ha detto alla CBC che durante una parte particolarmente difficile della loro relazione quando vivevano separati, ha iniziato a usare altri dispositivi connessi a Internet in tutta la casa per disturbarla. Ha detto che avrebbe preso il controllo del sistema audio e suonato la musica al massimo volume nel bel mezzo della notte. Accendeva e accendeva anche le luci e la televisione, causando una notevole quantità di disturbo a Nijem e ai suoi cani. Poiché non aveva il controllo sui dispositivi intelligenti, non poteva fermare le molestie.

Sfortunatamente, la storia di Nijem non è unica . Una storia del New York Times pubblicata all'inizio di quest'anno ha evidenziato casi di abusatori che tormentano le persone con la tecnologia della casa intelligente. Gli episodi della storia includevano casi in cui i molestatori avrebbero bloccato qualcuno fuori di casa, preso il controllo di luci e altoparlanti in tutta la casa, e fatto girare il termostato fino a 100 gradi per rendere incredibilmente spiacevole rimanere in casa. Le vittime di questo tipo di abusi sono spesso costrette a pensare di impazzire mentre perdono il controllo del proprio ambiente, aggiungendo un ulteriore livello di abuso psicologico alla situazione.

La tecnologia sta diventando uno strumento sempre più comune nel perpetrare questo tipo di comportamento abusivo. Un'indagine su oltre 70 rifugiati di violenza domestica negli Stati Uniti condotti nel 2014 da NPR ha rilevato che l'85% dei rifugi ha riferito di aver lavorato con le vittime monitorate tramite GPS e il 75% ha riferito di lavorare con le vittime spiate nell'uso di app mobili.

( Fonte )

Precedente Puoi spedire tutte le cose su Amazon gratuitamente, ma solo per un tempo limitato Successivo 5 posti per scaricare sfondi gratuiti, funky per telefoni o desktop

Rispondi