Indagine Supermicro: nessun chip spia trovato sulle nostre schede madri

Foto di riserva della scheda madre del computer
Fancycrave.com/Pexels

Il produttore di hardware Supermicro ha annunciato martedì i risultati di un'indagine sulla sua recente polemica sulla sicurezza della scheda madre .

In una lettera pubblicata sul suo sito web , Charles Liang, CEO di Supermicro, ha affrontato le recenti accuse derivanti da un articolo pubblicato da Bloomberg che riportava che le spie cinesi erano state in grado di inserire hardware malizioso nelle schede madri di Supermicro durante il processo di produzione. La lettera proseguì dichiarando che l'indagine di Supermicro era condotta da una società di investigazione di terze parti che concludeva che non era stato trovato alcun hardware dannoso sulle schede madri che erano state testate.

Le schede madri testate includevano il tipo specifico menzionato nell'articolo di Bloomberg, schede madri acquistate dalle società menzionate nell'articolo e "schede madri prodotte più di recente". Reuters riferisce che l'inchiesta è stata completata dalla ditta Nardello & Co.

La lettera di Martedì da Supermicro ha anche descritto le misure di sicurezza adottate per prevenire tali problemi di sicurezza. La più importante delle misure di sicurezza, per quanto riguarda il tipo di manomissione che è stato asserito di recente, era la promessa della società che "nessun singolo dipendente, team o appaltatore ha accesso illimitato al nostro progetto di scheda completo".

Il rapporto di Bloomberg è stato particolarmente preoccupante, poiché se fosse vero, significherebbe che tali chip dannosi potrebbero aver compromesso la sicurezza dei data center dei più grandi clienti di Supermicro, in particolare Amazon e Apple.

Amazon e Apple hanno rapidamente smentito il rapporto di Bloomberg in ottobre, a poche ore dalla pubblicazione della storia online. La dichiarazione di Apple specificava espressamente che "ha ripetutamente spiegato ai giornalisti e ai redattori di Bloomberg negli ultimi 12 mesi, non c'è alcuna verità su queste affermazioni".

La risposta di Amazon è avvenuta tramite un post sul blog e ha rapidamente negato la presenza dei chip spia:

"In nessun momento, passato o presente, abbiamo mai riscontrato problemi relativi all'hardware modificato o ai chip maligni nelle schede madri SuperMicro in qualsiasi sistema Elemental o Amazon. Né ci siamo impegnati in un'indagine con il governo ".

Bloomberg ha continuato a sostenere la sua storia, anche se il CEO di Apple Tim Cook e l'amministratore delegato di Amazon Web Services Andy Jassy hanno lanciato richieste di ritiro. Bloomberg Businessweek ha anche rilasciato una dichiarazione poco dopo la pubblicazione dell'articolo, dicendo che erano fiduciosi nella loro segnalazione e ha affermato che 100 interviste e 17 fonti individuali hanno confermato il loro rapporto.

( Fonte )

Condividi il tuo commento:

Precedente Leak rivela che i chipset da gioco RTX 2060 di Nvidia saranno destinati ai laptop Successivo I registri delle attività degli utenti di Windows 10 vengono inviati a Microsoft nonostante gli utenti decidano di non eseguire l'operazione

Rispondi