Il visionario del design mira a spremere piccole case da 300.000 dollari nei cortili della Silicon Valley

Prendilo da questo rifugiato della Silicon Valley: cercare di trovare un posto dove vivere in California è una boccata d'aria e tutti cercano di trovare una risposta a questo problema apparentemente irrisolvibile. Mentre ulteriori alloggi potrebbero non essere una soluzione completa, un visionario del design che è il preferito degli investitori qui sta approfittando di un cambio di legge statale per introdurre una nuova linea innovativa di piccole case destinate a servire come alloggio alternativo.

Il grande cervello dietro questa nuova iniziativa è Yves Béhar dello studio di design Fuseproject, con sede a San Francisco. Anche se non riconosci immediatamente il suo nome, sicuramente hai attraversato il suo lavoro, che spazia dalla società di smart lock da lui fondata, ad agosto, a progetti umanitari come One Laptop Per Child, che ha regalato milioni di laptop ai bambini di paesi in via di sviluppo. Il ragazzo ha anche progettato il primo tracker fitness da polso, Jawbone UP, ha fondato lo spazio di co-working Canopy a San Francisco e ha una sua collezione permanente al Museum of Modern Art.

L'ultima impresa di Béhar è una collaborazione con Plant Prefab, che produce alcune delle case prefabbricate di altissima qualità in America, per costruire e installare minuscole case che sono molto più economiche rispetto alle abitazioni tradizionali della California.

yves bhar minuscole case californa fuseproject casa 1
yves bhar tiny homes californa fuseproject casa 2
yves bhar minuscole case californa fuseproject casa 3
yves bhar tiny homes californa fuseproject house 4

Il concetto è stato ispirato dalle nuove leggi approvate in California che promuovono lo sviluppo di unità abitative specifiche designate come Unità di abitazione accessoria o ADU. Le nuove leggi sono entrate in vigore lo scorso gennaio e consentono di costruire piccole unità secondarie su immobili residenziali.

"L'approccio migliore per aggiungere densità in California è costruire su terreni esistenti", ha dichiarato Béhar a Business Insider di recente. "Sono entusiasta delle possibilità urbane, ma anche delle aree suburbane e agricole che hanno bisogno di alloggi veloci ed efficienti".

Il designer ha in mente due tipi specifici di inquilini, dati i recenti trend demografici: genitori anziani che si trasferiscono con i loro figli (una tendenza che un tempo era nota come "appartamenti suocera") e giovani che tornavano a casa dall'università.

I primi modelli del designer svizzero arrivano a 625 piedi quadrati e costano un'ombra sotto $ 300.000, che suona come un sacco ma è una miseria in una regione in cui l'affitto medio per un appartamento con due camere da letto arriva a circa quattro mila al mese. Béhar spera di progettare un modello simile usando la produzione robotica che potrebbe vendere al dettaglio per meno di $ 100.000.

Come molte altre aziende in questi giorni, Béhar e il suo partner, Steve Glenn di Plant Prefab, stanno prendendo la strada intelligente per il design sia interno che esterno. Gli acquirenti possono personalizzare le loro case con pannelli solari per climi moderati o tetti inclinati per aumentare drenaggio e isolamento nei climi più freddi. Pannellature in legno, cemento e stucco aggiungono efficienza ambientale, mentre l'interno è caratterizzato da tocchi moderni come i termostati Nest Learning, un sistema di monitoraggio energetico di Current Cost EnviR e un televisore Samsung progettato da Béhar . Sono disponibili anche spazi loft, un tetto verde e un sistema di ombreggiatura con leva in legno.

I modelli sono progettati dallo studio di design LivingHomes di Plant Prefab e costruiti nello stabilimento di Rialto, in California, in sei settimane o meno. Possono essere installati quasi immediatamente utilizzando pile elicoidali, che sono pilastri avvitati nel terreno che eliminano la necessità di una fondazione in calcestruzzo tradizionale.

( Fonte )

Precedente Assistente Google Ottiene nuove funzionalità per le festività Successivo Uno studio dice che gli altoparlanti intelligenti non offrono privacy, ed è colpa nostra

Rispondi