Il Recaptcha aggiornato di Google scoraggia i robot senza imporre attività di verifica

Google
Ken Wolter / 123rf

Google ha aggiornato il suo strumento di verifica Recaptcha alla sua terza versione, consentendo ai proprietari di siti Web di eliminare il traffico dannoso generato dai bot senza nemmeno richiedere ai visitatori di dimostrare di essere umani. Il cambiamento rende inoltre più facile per i visitatori del sito web accedere ai loro siti preferiti senza il tempo e la frustrazione di dover risolvere un puzzle per dimostrare di essere un vero umano ogni volta.

Google ha progettato originariamente Recaptcha per aiutare i siti web a identificare che il loro traffico è stato generato da visitatori umani e aiutare a escludere robot che generano spam o abusi automatici, ma il gigante della ricerca ha affermato che "la verifica una tantum non si adattava a ogni singolo caso d'uso. "Piuttosto che richiedere agli utenti di eseguire test interattivi – come fare clic su una casella di controllo su una pagina di accesso per dimostrare che sono umani – Recaptcha v3 ora genera un punteggio in modo che i proprietari dei siti web possano determinare se il loro traffico è stato generato da bot.

"Recaptcha v3 restituisce un punteggio per ogni richiesta senza frizione dell'utente", ha detto Google dell'aggiornamento sulla sua pagina degli sviluppatori . "Il punteggio si basa sulle interazioni con il tuo sito e ti consente di intraprendere un'azione appropriata per il tuo sito." Recaptcha classificherà il traffico e le interazioni sulla base di un punteggio da 0.0 a 1.0, con 1.0 che rappresenta una buona interazione e un punteggio più vicino a 0.0 indicando una buona probabilità che il traffico sia stato generato da bot.

I proprietari di siti Web possono generare script per eseguire azioni automatiche in base al punteggio del traffico. Ad esempio, se Recaptcha v3 restituisce un punteggio basso, il proprietario di un sito Web può utilizzare uno script per richiedere l'autenticazione a due fattori o la verifica della posta elettronica come requisito di accesso per i propri siti. "Siccome Recaptcha v3 non interrompe mai il flusso dell'utente, puoi prima eseguire Recaptcha senza prendere provvedimenti e quindi decidere le soglie guardando il tuo traffico nella console di amministrazione", ha aggiunto Google. "Per impostazione predefinita, puoi utilizzare una soglia di 0,5."

In un video di YouTube che mostra come funziona Recaptcha v3, Google ha affermato che la verifica può essere aggiunta a diverse parti di un sito Web, incluso l'accesso agli account, la pubblicazione di recensioni o il controllo di un sito per effettuare acquisti. Quando applicato alle pagine di revisione del prodotto, Rcaptcha aiuta a mantenere l'integrità del sito Web identificando e filtrando le recensioni false pubblicate dai robot.

"Il motore di analisi del rischio adattativo di Recaptcha registra vari segnali sulle interazioni e prevede la probabilità che la richiesta sia stata generata da un bot", ha affermato Google. "Funziona al meglio con il contesto su come sia gli umani che i robot interagiscono con il tuo sito web. Quindi per le migliori prestazioni, includi Recaptcha in molti posti. "

Per gli utenti e i navigatori del Web, la parte migliore di Recaptcha v3 è che elimina gli attriti quando gli utenti accedono ai siti poiché non devono più dimostrare di essere umani controllando una casella, digitando codici di verifica difficili da leggere o realizzare puzzle.

( Fonte )

Precedente Le migliori e più economiche offerte VPN per Halloween Successivo Guida all'acquisto di Ring Video Campanello: qual è il migliore per te?

Rispondi