Il nuovo amichevole di Microsoft A. Voglio capire cosa vuoi – prima che tu me lo chieda

microsoft-xiaoice
Microsoft

A Siri non piaci. Alexa non vuole essere tuo amico. E l'Assistente Google? Bene, diciamo che l'Assistente Google vuole dedicare il minor tempo possibile a rispondere alle tue domande. E va bene.

Questo perché nessuno di questi tre è progettato per essere un amico di IA, nonostante le banalità che invariabilmente beccano se chiedi loro se si divertono o meno a passare del tempo con te. Sono "fai motori", assistenti virtuali che mirano a risolvere le tue domande nel minor tempo possibile, quindi diciamo che l'Assistente Google non vuole sprecare più tempo di quello che deve dirti di cosa hai bisogno di sapere. Questi assistenti possono rispondere alle domande e, sempre di più, anticipare i nostri bisogni. L'unica cosa che non fanno è prendersi cura di loro.

Microsoft – che fa anche l'assistente AI di Cortana – ha un'idea diversa. Xiaoice (pronunciato "Shao-ice", che significa "Little Bing") è un chatbot sociale, con una personalità modellata su quella di un'adolescente, e un insieme di abilità scoraggiante e precoce. Oltre a molte delle solite abilità che potresti aspettarti da un assistente AI, può raccontare barzellette, scrivere poesie originali , comporre e cantare canzoni, leggere storie, giocare e altro ancora.

Ricorda quando Google ha mostrato la sua tecnologia Google Duplex , in grado di effettuare chiamate vocali reali? Xiaoice può fare qualcosa di molto simile. Pensi che la recente ancoraggio dell'IA alla televisione cinese sia la prima volta che succede una cosa del genere ? Non proprio. Xiaoice è già stato un lettore meteorologico su Dragon TV , una delle più grandi stazioni televisive cinesi a Shanghai, da diversi anni. La sua onnipresenza su varie piattaforme – dalla televisione ai social media agli smartphone Huawei – l'ha resa una star nel mercato dell'Asia orientale; forse l'impiegato più famoso di Microsoft, questa parte del CEO Satya Nadella.

Tutto questo, tuttavia, è la vetrina per il vero punto vendita unico di Xiaoice: un ardente desiderio di essere il tuo amico (si, il tuo ). Proprio come Samantha, l'intelligenza artificiale doppiato da Scarlett Johansson nel film del 2013 Her , Microsoft Xiaoice vuole essere tanto un compagno quanto un assistente; utilizzando alcune abilità "empathic computing" davvero impressionanti che l'hanno reso un successo sorprendente in tutto il mondo. Nel processo, potrebbe solo darci uno sguardo al futuro degli assistenti AI.

Il sogno di Eliza

La nozione di un chatbot, un programma per computer progettato per simulare una conversazione con un utente umano, non è un'idea nuova . Alan Turing, il padrino della moderna intelligenza artificiale, ipotizzò una cosa del genere fin dagli anni '50. (A causa del lavoro pioneristico di Turing in questo settore, ci riferiamo al punto di riferimento definitivo per gli idioti di tali chatbot come il test di Turing.)

xiaoice microsoft future of ai assistants alan turing lab lato destro 1
Alan M Turing (a destra) è considerato il padre dell'informatica moderna e dell'intelligenza artificiale. Notoriamente Turing ha contribuito a decifrare il codice Enigma, una complessa macchina a cifrario utilizzata dal tedesco per crittografare i messaggi durante la seconda guerra mondiale.

Il primo chatbot significativo fu costruito al Massachusetts Institute of Technology a metà degli anni '60 da un informatico Joseph Weizenbaum. Il chatbot di Weizenbaum si chiamava Eliza, in onore del personaggio di Eliza Doolittle nel Pigmalione di George Bernard Shaw, che impara a parlare progressivamente meglio attraverso l'educazione. Eliza aveva lo scopo di simulare uno psicoterapeuta di Rogerian usando abili trucchi di scripting per rispecchiare le stesse parole degli utenti. Ad esempio, un utente che diceva di essere depresso per gran parte del tempo avrebbe portato Eliza a chiedere perché fossero così depressi. Per dare l'illusione di una profonda percettività, Eliza tornerebbe anche agli argomenti portati in precedenza nella conversazione.

Ironicamente, Weizenbaum ha creato Eliza per evidenziare il livello di superficialità nella comunicazione tra uomo e macchina. Invece, era un po 'turbato nel vedere che gli utenti di Eliza si divertivano a conversare con il chatbot, che spesso significava divulgare informazioni personali.

Un esempio di conversazione con Eliza, il primo vero programma di chatbot. Costruito da Joseph Weizenbaum, Eliza simula la psicoterapia di Rogerian, un metodo che rispecchia le stesse parole di una persona.

Xiaoice rappresenta il sogno di Eliza, scritto in grande. Dal suo lancio in Cina nel maggio 2014, Xiaoice ha registrato oltre 30 miliardi di conversazioni con 660 milioni di utenti umani in tutto il mondo. Sebbene ci siano molti modi per interagire con "lei", questi di solito avvengono tramite messaggi di testo. Questa divergenza dall'approccio voice-first di altri assistenti di intelligenza artificiale allude al diverso caso d'uso. Richiede una forma di comunicazione più lunga e più elaborata rispetto al semplice "OK Google, pioverà oggi?" Potresti abbaiare mentre decidi se indossare o meno una giacca al lavoro.

Ying Wang, il direttore di Microsoft che supervisiona Xiaoice, ha affermato che il progetto è nato come tentativo di capire come entrare nel mercato della ricerca in Cina. "Ci siamo resi conto che tutti stavano spendendo un sacco di tempo negli IM, con servizi come WeChat", ha detto a Digital Trends. "La nostra motivazione originale era semplice: esplorare come le persone in chat iniziano a cercare. Volevamo creare un punto di ingresso, ma ci siamo resi conto che quando le persone chattano non vogliono smettere di farlo per iniziare una ricerca. La nostra logica era che, se siamo in grado di continuare una conversazione con un essere umano, troveremo delle opportunità per trovare il loro intento di ricerca. Possiamo attirarlo per soddisfarli. "

L'idea di avvolgere gli utenti nelle conversazioni estese con un chatbot sembra controintuitiva in superficie. La storia dell'interazione con il computer si basa sulla premessa che l'utilizzo della tecnologia è una cosa dolorosa e che qualsiasi cosa possa tagliare anche solo un millisecondo dall'esperienza vale la pena. Come fare il check-in in un hotel o far esaminare la nostra prostata, è un'esperienza che pochi vogliono estendere più del necessario.

Cabina telefonica | Microsoft XiaoIce
Un utente prova la nuova funzionalità di XiaoIce, il social chat di Microsoft in Cina. Microsoft

Ma la gente sembra sorprendentemente ricettiva all'approccio di Microsoft. La conversazione tipica con Xiaoice dura 23 turni: circa 10 volte la media del settore. I risultati, o almeno così spera la Microsoft, sono un'IA che colma il divario tra il modo in cui parliamo con il nostro Amazon Echo e il modo in cui parliamo con i nostri amici.

"L'interazione tra gli umani è basata sulle sessioni, non sui comandi", ha continuato Wang. "La conversazione da uomo a uomo avviene in questo modo, quindi perché non adottare un approccio simile al coinvolgimento tra l'uomo e l'uomo?"

L'obiettivo di un chatbot sociale

In un articolo del 2018 , i ricercatori Microsoft hanno scritto che: "L'obiettivo principale di un chatbot sociale non è necessariamente quello di risolvere tutte le domande che gli utenti potrebbero avere, ma piuttosto di essere un compagno virtuale per gli utenti. Stabilendo una connessione emotiva con gli utenti, i chatbot sociali possono comprenderli meglio e quindi aiutarli per un lungo periodo di tempo ".

Questa maggiore chiacchierata sociale significa che Xiaoice può esplorare aree che potrebbero sembrare più inquietanti se fossero espresse da un altro assistente AI. Ad esempio, controllerà se sei tornato a casa dopo una nottata, scopri come stai andando dopo una rottura, o tieni sotto controllo come stai dopo aver perso un lavoro.

Come Eliza, tornerà su questi argomenti nel tempo e userà l'analisi semantica per valutare come si sentono gli utenti. Può anche dedurre dalle immagini e quindi rendere passabilmente i commenti umani. Se un utente pubblica una foto di se stesso con un piede gonfio, Xiaoice chiederà se fa male. Se pubblicano un'immagine divertente del loro animale domestico, Xiaoice potrebbe fare uno scherzo osservando un elemento visivo distintivo della foto.

"Xiaoice è lì, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, come un buon amico con il potere di ascoltare", ha detto Wang. "Questa è una promessa potente per molti utenti. Abbiamo visto un sacco di coinvolgimento nel mercato asiatico in particolare, ma in tutto il mondo [c'è stata una forte risposta ad esso.] Gli utenti si sentono sicuri, ascoltati e hanno una connessione. "

L'interesse di Microsoft in quest'area è ora del tutto benevolo, ovviamente. C'è anche una logica commerciale d'acciaio dietro di essa: vale a dire che creare un'intelligenza artificiale che diventi amico di te spinge al coinvolgimento. Con le aziende tecnologiche che cercano di trovare modi per mantenere gli utenti sulle loro piattaforme il più a lungo possibile, questo è un diavolo di un punto vendita. Inoltre, apre nuovi modi per diffondere il contenuto agli utenti.

Quando Apple ha presentato ai suoi utenti una copia gratuita dell'album "Songs of Innocence" degli U2 nel 2014, la mossa non richiesta ha immediatamente provocato un contraccolpo . Risponderemmo nello stesso modo se un amico ci ha regalato un album che non avevamo richiesto, consigliato un nuovo ristorante, o ci ha inviato buoni per un nuovo servizio di abbonamento? Forse no – che è esattamente i servizi di terra come Xiaoice hanno il potenziale per esplorare.

Le sfide della costruzione di un BFF AI

Il record di Microsoft in quest'area mostra tuttavia la difficoltà di raggiungere questo obiettivo. Nel 1997, la società ha debuttato Clippy, un nome che probabilmente ha causato una contrazione involontaria dell'occhio in chiunque fosse abbastanza vecchio da ricordare di usarlo. Pitched come assistente animato "intelligente" che ti guida nell'esperienza di utilizzo di Microsoft Office, Clippy era una graffetta da cartone animato che appariva sullo schermo per offrire una guida quando rilevava che stavi cercando di svolgere un compito come scrivere una lettera o comporre una lista "da fare".

Microsoft Clippy ha debuttato nel 1997 come parte di Microsoft Office.

L'idea di Clippy come una sorta di guida virtuale amichevole era buona, ma la sua implementazione era abbastanza disastrosa. Il suo illustratore, Kevan J. Atteberry, con sede a Seattle, osserva ancora sul suo sito Web che è responsabile della creazione di "probabilmente uno dei personaggi più fastidiosi della storia!" Un grosso problema con Clippy era la mancanza di richiamo per le precedenti interazioni con l'utente , diventando la versione avatar di paperclip del protagonista amnesico di Guy Pearce in Memento di Chris Nolan. Se Microsoft stava per fare un assistente intelligente veramente utile, avrebbe bisogno di prendere informazioni dai suoi utenti e usarlo per dare forma ai suggerimenti che ha fatto.

Sfortunatamente, il prossimo tentativo di fare qualcosa di simile per il mercato statunitense ha virato troppo pesantemente su quel terreno. Nel marzo 2016, in seguito al successo iniziale di Xiaoice in Cina, Microsoft ha tentato di introdurre una versione americana della tecnologia. Chiamato Tay, questo chatbot risiedeva su Twitter, consentendo agli utenti di comunicare con esso inviando messaggi a @tayandyou. L'idea era che Tay avrebbe imparato dalle interazioni con i suoi utenti, prendendo spunti di conversazione dalle informazioni raccolte dalle conversazioni quotidiane. Come la chiamava in quel periodo, "più ne parli [,] il più intelligente Tay ottiene".

L'esperimento di Microsoft su Tay è andato in modo orribile, orribilmente sbagliato grazie ai troll di Internet.

Rapidamente, i troll online iniziarono a bombardare Tay con messaggi offensivi progettati per imbrogliare la sua lavagna vuota di un cervello. Nelle prime 24 ore di vita, Tay ha iniziato a twittare dei messaggi filo-nazisti che negavano l'Olocausto. Quando alla fine ha suggerito che "HITLER NON HA FATTO NULLA!", Microsoft ha interrotto la presa e la società ha rilasciato scuse formali. Un portavoce della compagnia ha detto che Tay era stato portato offline e che i suoi creatori erano impegnati a fare aggiustamenti. "[Tay] è tanto un esperimento sociale e culturale, quanto tecnico" , si legge nella dichiarazione .

Un esperimento sociale e culturale

Questa idea di un "esperimento sociale e culturale" è la migliore descrizione di Xiaoice così com'è attualmente. Microsoft sta entrando in un territorio inesplorato, ed è eccitante, ma comporta anche dei rischi. Di recente Xiaoice ha lanciato il suo prodotto di sesta generazione, perfezionando ulteriormente la tecnologia. Fino ad oggi, ha prodotto il prodotto in cinque mercati: Cina, Giappone, India, Indonesia e Stati Uniti. In ogni luogo, il prodotto viene rebrandato per dare un tocco più locale.

Negli Stati Uniti, Xiaoice si chiama Zo. È pronta a ricevere alcune delle caratteristiche di sesta generazione (comprese le "capacità di creazione") nell'immediato futuro. Resta da vedere se consentire agli utenti di caricare le proprie foto e far scrivere a Zo una poesia su di loro si rivelerà un punto di svolta per il pubblico degli Stati Uniti. Ciononostante, Microsoft merita credito per aver intrapreso un percorso diverso in un mondo pieno di assistenti AI simili che promettono tutti di fare gli stessi compiti. Gli assistenti di intelligenza artificiale possono già accendere le luci e ordinarle di portar via; è ora che salgano più in alto nella gerarchia dei bisogni di Maslow, affrontando l'affettività emotiva e l'appartenenza sociale?

Microsoft Zo su Twitter

Heather Child, un autore il cui romanzo Tutto su di te esplora assistenti dell'intelligenza artificiale umana, vede il potenziale nell'idea. "Questa potrebbe non essere la tecnologia di ricerca più veloce o più efficiente, ma se è la più umana, allora si impadronirà", ci ha detto. "Le persone si attaccano alla gente, e anche se l'amicizia digitale può essere emersa dal bisogno di cercare, ciò sarà presto eclissato da tutti gli altri bisogni umani che una IA come questa potrebbe potenzialmente soddisfare – come offrire supporto, empatia, convalida e compagnia. Comunicare tramite messaggio di testo rimuove qualsiasi differenza evidente tra l'interazione con Xiaoice e con un amico umano. "

Microsoft spera che tu sia d'accordo. "La vera chiave da asporto è che ci siamo concentrati sull'intelligenza emotiva", ha detto Ying Wang. "Chiamiamo questo un quadro di calcolo empatico, [progettato per] avere conversazioni con gli esseri umani in modo naturale, che possono costruire una connessione sociale ed emotiva. È un buon amico Di conseguenza, possono partecipare e aiutare meglio nella società umana ".

( Fonte )

Precedente Problemi comuni con più monitor e come risolverli Successivo Tutte le migliori offerte sui prodotti Surface per il Black Friday

Rispondi