Il brevetto Microsoft evidenzia un potenziale sistema di input di testo VR

Windows Mixed Reality Review
Nick Mokey / Tendenze digitali

Microsoft ha ottenuto un brevetto per un nuovo sistema di input di testo in realtà virtuale che potrebbe rivelarsi un modo migliore per scrivere testo complicato o lungo in VR quando si utilizzano i motion controller e i gamepad Xbox. Utilizza un design radiale con input stratificati e elementi predittivi che mettono le lettere più probabili a portata di mano a seconda di ciò che viene "digitato".

Nonostante le tastiere QWERTY non offrano il layout di tastiera più preciso o intuitivo , rimangono comunque il metodo più efficiente e tradizionale per creare rapidamente un sacco di testo digitale. Dovremmo saperlo, passiamo tutto il giorno a farlo. Ma potrebbe arrivare un momento in cui i dattilografi devono imparare a usare qualcos'altro e il passaggio alla realtà virtuale con i motion controller che non facilitano un facile accesso a una tastiera – virtuale o fisica – potrebbe essere quel punto di svolta.

A tal fine, Microsoft sta cercando di creare un meccanismo di input per il futuro virtuale e, allo stesso tempo, offrire ai giocatori della console qualcosa di più intuitivo da usare quando si "digita" con un gamepad. Il suo nuovo brevetto offre un'interfaccia a ruota non troppo dissimile dal suo quadrante di superficie , come evidenzia WindowsCentral , e potrebbe rivelarsi un modo molto più semplice per i giocatori di console e VR di inserire il testo in modo rapido e preciso rispetto alle tastiere mobili esistenti.

microsoft vr typing digiting radialpatent01

Il brevetto riconosce che il layout QWERTY è progettato tenendo in mente gli input a 10 dita, rendendolo una scelta sbagliata per il sistema a cursore singolo attualmente offerto dagli ingressi controllati da joystick. La sua nuova rotella di scrittura potrebbe vedere l'utilizzo in realtà virtuale, realtà mista e qualsiasi piattaforma in cui i controller di gioco sono il meccanismo di input più comune.

Come con qualsiasi brevetto, non vi è alcuna garanzia che Microsoft crei mai un prodotto che utilizza questo meccanismo radiale, ma lo ha originariamente archiviato nel marzo 2018. Ciò potrebbe significare che la società stava sviluppando l'idea nel frattempo, quindi in teoria, non deve essere lontano anni da una versione più generale. Poiché si tratta di una soluzione basata su software per il problema di digitazione in VR e sui gamepad, non ci vorrebbe molto più di una patch per renderla disponibile ai giocatori di tutto il mondo.

Se una tale mossa avesse avuto luogo, sarebbe interessante vedere se tale tecnologia fosse infine utilizzata nelle cuffie VR di altre società, come la nuova Ricerca di Oculus VR.

( Fonte )

Precedente Spotify lancia Endless Artist Radio Successivo Un tablet ThinkPad con uno schermo pieghevole potrebbe essere nel futuro di Lenovo

Rispondi