I gruppi di schede potrebbero essere un sogno per i multitasker che lavorano nelle schede del browser

Chrome OS

Google potrebbe prendere in considerazione una modifica al modo in cui Chrome gestisce le schede, rendendo più semplice ed efficace per i multi-responsabili la gestione di più schede in esecuzione sul browser. Una nuova richiesta di modifica del codice e il successivo bug scoperto da Chrome Story suggeriscono che Google sta lavorando a una nuova funzione Gruppi di schede che consentirebbe agli utenti di organizzare le schede in base a diverse attività.

Sebbene non siano noti molti dettagli su questa funzione, il registro dei bug del progetto Chromium ha descritto Gruppi di tabulazioni come una funzionalità in cui "gli utenti possono organizzare le schede in gruppi visivamente distinti, ad esempio per separare le schede associate a diverse attività." Dalla descrizione, sembra che i gruppi di schede possano anche aiutare gli utenti a disordinare tutte le schede aperte all'interno del browser Chrome, in modo simile a come la nuova funzionalità di Apple Stacks all'interno di MacOS Mojave aiuta gli utenti a mantenere i desktop Mac privi di clutter consentendo agli utenti di raggruppare i file correlati in uno "stack" “.

"Dalla nostra comprensione, questa funzione consentirebbe agli utenti di creare una sorta di" cartella "per ospitare un gruppo selezionato di schede e tenerle in un unico posto," 9to5 Google ha speculato su come funzionano i gruppi di schede di Chrome. "In alternativa, potrebbe anche essere una funzionalità dei segnalibri che mantiene i siti di uso comune in un'unica posizione per un facile accesso." Per gli utenti che aprono più schede contemporaneamente, i gruppi di schede possono consentire di raggruppare tutti i siti di notizie in un'unica scheda raggruppata, produttività servizi – come Google Documenti, Fogli e Presentazioni – in un altro gruppo e segnalibri in un terzo gruppo. Al momento non è chiaro se e quando Google inizierà a testare i gruppi di schede all'interno dei canali Canary, beta o di sviluppo di Chrome.

Al momento, esistono estensioni di Chrome di terze parti, come Tab Group , che offrono funzionalità simili a quelle proposte dai gruppi di schede di Google, ma questa sarebbe la prima volta che sentiamo parlare di un sistema nativo che consente di gestire e organizzare le schede in Chrome . Una soluzione nativa consentirebbe agli utenti di Chrome di ottenere la stessa esperienza senza il rischio associato a fare affidamento su un servizio di terze parti. Anche se un'estensione è sviluppata da una fonte attendibile, potrebbe successivamente essere venduta a un altro sviluppatore. Lo sviluppatore potrebbe avere requisiti di privacy diversi o potrebbe modificare il codice in modo che l'estensione funzioni o si comporti in modo diverso rispetto alla versione originale.

( Fonte )

Precedente Le migliori offerte di Nintendo Switch Black Friday Successivo Surface Pro 6 supera i test di piegatura di YouTuber, non si bloccherà a metà come iPad Pro

Rispondi