HP fa esplodere un supercomputer in orbita ed è (principalmente) ancora in un unico pezzo

supercomputer HP ancora vivo nello spazio spacex dragon capsule 3 720x720

Nel mese di agosto 2017 , HP Enterprise ha collaborato con Space X e NASA per inviare un supercomputer alla Stazione spaziale internazionale. Parte di una missione lunga un anno per testare se i sistemi a bordo del computer potrebbero sopravvivere negli ambienti difficili dello spazio, ora è ancora vivo e in parte funzionante, rapporti Wired .

Costruito con l'aiuto della NASA e basato sui server Apollo 40 di HP Enterprises , i 32 core del supercomputer hanno continuato a funzionare tutto l'anno nonostante la radiazione dello spazio. C'erano, tuttavia, diversi periodi in cui le connessioni con la NASA erano in calo da tre secondi a 20 minuti in otto volte durante il giorno. Nonostante il tempo di inattività, i dati non sono stati persi, il che è qualcosa che mostra un grande potenziale per l'utilizzo nello spazio, secondo HP.

"Ci sono un sacco di videocamere e video 4K su ISS in cerca di qualcosa … Dovremmo fare questo tipo di elaborazione di immagini di uso generale a bordo e salvare quella larghezza di banda per altre cose", ha detto HP a Wired.

Alcune parti del supercomputer basato su Linux erano inoltre protette da un involucro e da un software personalizzati raffreddati ad acqua che lo avrebbero impostato in modalità provvisoria se le soglie di radiazioni e calore fossero state soddisfatte. Sfortunatamente, quel sistema non era accurato al 100% e si sono verificati guasti su nove su 20 delle unità a stato solido a bordo.

Allo stesso modo, i guasti di alimentazione erano comuni per il supercomputer, accadendo quattro volte durante il periodo di test di un anno. Ciò dimostra che, sebbene il supercomputer non sia perfetto, mantiene ancora un valore per la NASA per attività come lo scricchiolio di dati e il suo ritorno sulla Terra.

"Hanno imparato alcune cose e hanno dimostrato che il sistema funziona nello spazio. … Dà alla NASA la possibilità di acquistare una capacità di cui potremmo avere bisogno in futuro, piuttosto che svilupparla da noi stessi ", ha detto David Hornyak della NASA a Wired.

La NASA fornisce una panoramica completa della missione iniziale online e HP approfondisce ulteriormente i dettagli tecnici delle sue offerte di supercomputer sul suo sito web . Il razzo che trasportava il supercomputer originariamente lanciato da Cape Canaveral, in Florida, ma dopo il successo iniziale, HP sta ora annunciando piani per consentire a più ricercatori di accedere al supercomputer Spaceborne.

Ciò dovrebbe rendere l'informatica nello spazio molto più facile per gli astronauti che guardano giù sulla Terra.

( Fonte )

Precedente Palm è tornato con un piccolo telefono che ti terrà lontano dal telefono Successivo Ottieni un MacBook Apple 12 pollici rinnovato per $ 400 in meno rispetto al prezzo di uno nuovo

Rispondi