Google nega di affermare che sta monitorando gli utenti di Internet quando è attiva la modalità di navigazione in incognito

ricerca Google

Google sta contestando uno studio pubblicato da DuckDuckGo, un motore di ricerca incentrato sulla privacy che afferma che il gigante della ricerca sta monitorando gli utenti su Internet al fine di fornire risultati di ricerca personalizzati, anche quando la modalità di navigazione in incognito è abilitata. DuckDuckGo ha affermato che Google utilizza le informazioni personali, che vanno dalla cronologia di ricerca e navigazione agli acquisti online, per adattare i risultati di ricerca a ciò che il concorrente chiama "bolla del filtro di Google".

"Questi risultati redazionali sono informati dalle informazioni personali che Google ha su di te (come la tua ricerca, la tua navigazione e la cronologia degli acquisti) e ti mettono in una bolla basata su ciò che gli algoritmi di Google pensano che sia più probabile che facciano clic", ha detto DuckDuckGo in un post sul blog che illustra il suo studio di ricerca sulla privacy. Come parte dei suoi risultati, DuckDuckGo ha notato che i partecipanti hanno visto risultati di ricerca che erano unici per loro. Inoltre, l'attivazione della modalità di navigazione privata ha influito poco sul modo in cui i risultati della ricerca potevano variare da utente a utente. "La modalità di navigazione privata e la disconnessione da Google offrivano pochissima protezione da bolle di filtro. Queste tattiche semplicemente non forniscono l'anonimato che la maggior parte della gente si aspetta. In realtà, semplicemente non è possibile utilizzare la ricerca di Google ed evitare la sua bolla di filtro.

"Abbiamo visto che confrontando a caso le modalità private delle persone tra loro, c'era più del doppio della variazione rispetto a quando si confrontava la modalità privata di qualcuno con la modalità normale", continua DuckDuck Go. "Sentiamo spesso la confusione che la modalità di navigazione privata consente l'anonimato sul Web, ma questo risultato dimostra che Google adatta i risultati di ricerca indipendentemente dalla modalità di navigazione."

Di preoccupazione sono i risultati di ricerca forniti quando gli utenti cercano argomenti politici, evidenzia DuckDuckGo. L'azienda ha esplorato come i risultati di ricerca relativi a temi politici possano aver avuto un impatto sulle elezioni presidenziali del 2012 dopo la pubblicazione di un articolo del Wall Street Journal del 2012 secondo cui "spesso personalizza i risultati delle persone che hanno recentemente cercato" Obama "- ma non quelli che recentemente hanno cercato "Romney". L'influenza delle aziende tecnologiche sulla politica è stata messa in discussione negli ultimi mesi e Google ha fatto parte di un'inchiesta legislativa dopo che la società ha ricevuto critiche dal presidente Donald Trump che il motore di ricerca potrebbe aver usato il suo posizione di censura delle voci conservatrici, un'accusa che Google continua a negare con veemenza.

Dopo la pubblicazione della ricerca sulla privacy di DuckDuckGo su Google 9to5 , Google ha contestato lo studio, osservando che i metodi di ricerca erano viziati. "La metodologia e le conclusioni di questo studio sono errate poiché si basano sul presupposto che qualsiasi differenza nei risultati di ricerca sia basata sulla razionalizzazione", ha replicato Google. "Semplicemente non è vero. In effetti, ci sono una serie di fattori che possono portare a leggere differenze, tra cui il tempo e la posizione, che questo studio non sembra aver controllato in modo efficace. "

Questa non è la prima volta che Google è sotto accusa per la confusione sulla privacy legata alla modalità di navigazione in incognito. Quando Google ha lanciato il suo browser Chrome 69 aggiornato, la società ha subito dei contraccolpi dopo che i ricercatori hanno sottolineato che l'uso dei cookie potrebbe consentire a Google di seguirti su Internet anche quando la modalità di navigazione privata è abilitata, un'ipotesi che Google ha rifiutato.

( Fonte )

Precedente Un secondo problema di Wells Fargo si traduce nella preclusione di più case Successivo Qual è l'app Kik e perché gli adolescenti lo adorano?

Rispondi