Google Home e Amazon Alexa chiedono ai produttori di dispositivi per la casa intelligente le informazioni sugli utenti

Non sorprenderà quasi nessuno che Google Home e Amazon Alexa raccolgono e raccolgono dati su come usi i dispositivi nella tua casa. Negli ultimi mesi sono emerse abbastanza storie sulla privacy e sulla sicurezza dei dati che tutti si rendono conto che queste importanti aziende tecnologiche hanno utilizzato queste informazioni. Tuttavia, ciò che può sorprendere è la quantità di dati raccolti.

Bloomberg ha riferito che Amazon e Google hanno iniziato a chiedere ai produttori di fornire ulteriori informazioni sulle richieste degli utenti. Ad esempio, le due aziende vogliono sapere quando accendi e spegni le luci, quando accendi il televisore e molto altro ancora. Secondo il rapporto, Amazon e Google hanno persino chiesto di sapere a quale canale è impostato il televisore.

Google non ha rilasciato commenti su ciò per cui utilizza le informazioni, ma la speculazione va dal miglioramento delle prestazioni agli annunci pubblicitari mirati. Amazon ha dichiarato di non utilizzare le informazioni per la pubblicità o di venderle a società terze, ma potrebbe essere giustificato un certo scetticismo: dopotutto, Amazon è una delle più grandi aziende al dettaglio al mondo.

È possibile che Google e Amazon desiderino le informazioni in modo che i loro assistenti intelligenti possano rispondere più rapidamente e con informazioni più accurate. Entrambe le società sono in una corsa per la quota di mercato, dopo tutto. Tuttavia, l'accesso a questo tipo di informazioni richiede che i consumatori ripongano la loro fiducia in enormi società e creino un pendio scivoloso sulla privacy dei dati.

Il modo in cui funzionano molti dei dispositivi è semplice. Quando chiedi all'assistente intelligente di eseguire un'azione (come bloccare la porta), invia una richiesta al server del dispositivo smart e richiede lo stato corrente della porta; in questo caso, bloccato o sbloccato. Dopo che l'assistente intelligente riceve le informazioni, emette un comando per bloccare la porta. Il rapporto afferma che Google e Amazon vogliono invertire questo processo. In altre parole, il dispositivo segnala sempre il suo stato per ridurre il tempo necessario per inoltrare i comandi.

La soluzione potrebbe essere nelle mani dei produttori di hardware. Aziende come Logitech si sono pronunciate contro le richieste e hanno proposto ciò che equivale a un compromesso. Piuttosto che dire a Google o Amazon quale canale sta guardando un cliente, la società riferisce solo che la televisione è accesa.

La conversazione si riduce alla questione del consenso. Un utente acconsente a fornire informazioni quando chiedono a un dispositivo intelligente di eseguire un'azione, ma il consenso si estende solo a ciò che è necessario per eseguire quell'azione. Qualsiasi informazione raccolta successivamente richiede un altro livello di autorizzazione attualmente non richiesto. Ma il tempo dirà se Amazon e Google sono d'accordo.

( Fonte )

Precedente Canon annuncia Fotocamera mirrorless EOS RP full frame Successivo 5 dei migliori canali YouTube per i genitori

Rispondi