Google Chrome 70 sta finalmente ottenendo una modalità picture-in-picture

La modalità Picture-in-picture arriverà finalmente su Google Chrome 70 su Mac, Linux e Windows, secondo Android Police . La funzione non si applica solo a YouTube ma anche a qualsiasi altro sito Web in cui gli sviluppatori hanno scelto di implementarlo.

Questa funzionalità è disponibile su Android Oreo dal 2017, ma solo ora è disponibile su Chrome sui desktop. Spetta comunque agli sviluppatori web aggiungere il supporto per la modalità picture-in-picture, e un pacchetto di esempio è disponibile per aiutare nel processo. Un'estensione di Chrome è disponibile anche per gli utenti regolari per consentire l'abilitazione sui siti Web senza l'uso di contrassegni.

Al momento, il modo migliore per vedere come sono le cose in Chrome 70 è andare su YouTube e fare doppio clic su un video due volte per selezionare "Picture in Picture" dal menu di scelta rapida. Il video viene quindi visualizzato sul lato in una piccola finestra che può essere ridimensionata o spostata ovunque. Non solo rimane sempre visibile sullo schermo, ma agisce indipendentemente dalla finestra principale del browser, consentendo un potenziale aumento della produttività su tutta la linea.

In Chrome 69 , gli sviluppatori originariamente potevano attivare l'opzione picture-in-picture con un flag. Ora non richiede più nessuno di quei trucchi da abilitare su un desktop, ad eccezione di Chrome OS, dove è ancora necessario il flag # enable-surfaces-for-videos per provarlo.

Picture-in-picture è diventato lentamente una caratteristica molto ricercata nel mondo informatico. È stato originariamente aggiunto a settembre 2016 ad Apple Safari e successivamente è stato aggiunto ad alcune applicazioni in Windows 10 con l'Aggiornamento dei creator.

Chrome 70 aggiunge anche molte altre nuove funzionalità, tra cui non consente più la registrazione automatica degli utenti nel browser. Tra gli elementi rilevanti del rilascio figurano le integrazioni di PWA (Progressive Web Apps), il supporto per sviluppatori per l'API di gestione delle credenziali, le credenziali delle chiavi pubbliche e il nuovo codec video AV1.

È possibile ottenere questo aggiornamento ora e godere di tutte queste ultime funzionalità andando al menu Guida e quindi Informazioni su Google Chrome. Google esegue anche la mappatura di alcune funzionalità di Chrome sul suo blog degli sviluppatori , fornendo una tempistica e suggerimenti per l'abilitazione delle funzionalità alla sua versione.

( Fonte )

Precedente Uno su 10 proprietari di dispositivi domestici intelligenti segnala problemi tecnici irrisolti Successivo L'ultima funzionalità di Apple assicura che le app MacOS siano più sicure che mai

Rispondi