Gli inverni del Canada hanno ispirato una startup per riscaldare le case con criptaggio di rifiuti di calore

Heatmine Cryptomining Heater
Cryptomining è uno sforzo high-tech, ma l'attrezzatura coinvolta è decisamente low-tech. Heatmine

Alcuni sostengono che le criptovalute come Bitcoin sono il futuro della moneta a corso legale, ma al momento stanno creando tanti problemi quanti ne risolvono.

L'enorme quantità di risorse computazionali necessarie per elaborare le transazioni blockchain e rilasciare nuovi importi di queste valute richiede grandi quantità di energia elettrica . Proprio come qualsiasi altro dispositivo elettronico, questi computer altamente personalizzati producono anche calore – un sacco di calore. Qualsiasi persona, o azienda, che voglia estrarre la criptovaluta su larga scala, alla fine dovrà affrontare i costi associati sia alla potenza consumata , sia al calore generato . Heatmine , una start-up cripto-mineraria con sede in Quebec, pensa di aver trovato un modo per affrontarli entrambi, mentre allo stesso tempo avvantaggia le altre imprese.

Scambio di calore

Il concetto di Heatmine, sul suo volto, è estremamente semplice: se l'attività mineraria genera calore di scarto indesiderato, metti i minatori dove è possibile utilizzare quel calore. Se i costi dell'elettricità e della posizione associati all'estrazione mineraria sono troppo costosi, metti i minatori da qualche parte dove l'elettricità costa poco e la posizione è libera. L'intuizione chiave di Heatmine era che si potevano soddisfare entrambe queste condizioni con un unico dispositivo: un sistema di acqua calda alimentato da cripto minerario, progettato per riscaldare un edificio mentre sfornava monete crittografiche.

Heatmine Cryptomining Heater
Heatmine Cryptomining Heater

Quel dispositivo assomiglia a qualcosa che ci si aspetterebbe di trovare in un ambiente industriale: un cabinet di metallo di 1,5 metri quadrati, riempito con un serbatoio di acqua calda e un enorme rack di 63 schede grafiche, il tutto interconnesso da un labirinto di PVC e tubazioni in rame. Per un'attività high-tech come criptomining, sembra decisamente low-tech. Ma questo è il punto.

La parte idraulica del rig trasforma il calore di scarto dalle GPU in acqua calda, che viene quindi immagazzinato nel serbatoio. Una volta collegato alle linee dell'acqua, può subentrare come fonte di acqua calda, sia che venga utilizzato per una bella doccia calda o per il calore radiante.

Ogni unità è dotata di una connessione dati 3G per la gestione remota e le unità stesse sono installate al di fuori della sede del cliente. Il cabinet è bloccato dall'esterno, il che impedisce qualsiasi manomissione. Heatmine sostiene che una delle sue unità standard può riscaldare fino a 300 metri quadrati (3,229 piedi quadrati) di spazio. Mentre il sistema potrebbe essere utilizzato in modo residente , è attualmente destinato a applicazioni commerciali e industriali.

Più potenza, più problemi

Quindi, questa è la parte del calore residuo del puzzle risolto. Ma per quanto riguarda l'elettricità? In Quebec, gran parte della rete elettrica locale è alimentata da energia idroelettrica rinnovabile al 100%, grazie all'abbondanza di corpi di acqua dolce della provincia e alle opportunità di dighe idroelettriche che creano. È anche economico: il tasso di elettricità residenziale più alto è di 9,12 centesimi per kilowattora. In confronto, nell'area di New York-New Jersey, il tasso medio residenziale è più del doppio , a 20,8 centesimi per kilowattora. Ciò significa che il tasso massimo è significativamente più alto.

Heatmine Cryptomining Heater Infographic
Heatmine

A un livello tanto basso quanto i tassi del Quebec sono – sono in realtà i più bassi del Nord America – c'è un problema. L'unico fornitore di energia elettrica della provincia, HydroQuebec, ha registrato una tendenza allarmante verso le massicce operazioni di criptomining , probabilmente attratte dai bassi tassi. Queste aziende, come i Bitfarm di proprietà israeliana , furono originariamente incoraggiate da HydroQuebec, a causa della loro capacità di sopprimere rapidamente le eccedenze nella fornitura di energia elettrica. Ma presto queste operazioni sono cresciute di dimensioni e hanno iniziato a mettere un grosso carico sulla rete.

L'utility ha risposto aumentando temporaneamente le tariffe per le nuove aziende criptografiche, fino a 15 centesimi per kilowattora. Ancora più economico di alcuni mercati nordamericani, ma non più un vantaggio competitivo e molto più costoso dei 3 centesimi per kilowattora disponibili in alcune località della Cina . All'inizio di quest'anno, Plattsburg, NY ha votato in un 18 divieto mesi su tutte le nuove imprese minerarie Crypto per ragioni analoghe.

Heatmine è riuscita a eludere questo regolamento attraverso la sua strategia di decentralizzazione. Collocando i suoi impianti in siti agricoli, come le serre, il consumo che consumano è misurato al tasso di allevamento molto più basso, che è lo stesso del tasso residenziale.

Mostrarmi il denaro

La domanda rimanente è: come si ottengono le proprietà commerciali per accettare la presenza un po 'invasiva di un impianto Heatmine? Cosa c'è in loro per loro? Un sacco, a quanto pare. I vantaggi di Heatmine in termini di risparmio sui costi dell'elettricità e di gestione del calore residuo sono così significativi che l'azienda è disposta a coprire il 100 percento del costo della co-locazione. Ciò include il rig stesso, i costi di installazione e l'elettricità consumata dall'impianto. La proprietà commerciale non ha interesse per le entrate associate all'operazione di cripto minerario, ma ottiene tutto il calore di scarto risultante gratuitamente.

Per alcune aziende, i risparmi potrebbero avere un impatto significativo sulla performance finanziaria. Le Caveau à Légumes, un coltivatore di fragole con sede in Quebec, è tra i primi clienti di Heatmine. Il suo presidente, Guy Béland, dice a Digital Trends di avere un sistema Heatmine, "ci consente di essere competitivi rispetto ai prodotti provenienti dal Messico e dagli Stati Uniti, in quanto riduce notevolmente i nostri costi generali".

Béland non sta esagerando. Le spese annuali di riscaldamento elettrico di Le Caveau per la sua serra da 2.100 piedi quadrati sono normalmente $ 25.000. Con Heatmine, il costo è sceso a zero.

"L'installazione ha richiesto un totale di tre giorni", ha detto Béland. "Il sistema si connette alla nostra soluzione esistente: un pavimento riscaldato e radiatori. Di conseguenza, non abbiamo dovuto scendere a compromessi. "

Certo, è ancora presto. Il sistema di Le Caveau è stato installato solo a settembre e deve ancora affrontare un duro inverno canadese.

"L'ignoto è un po 'spaventoso", ammette Béland, "poiché non sono sicuro di cosa aspettarmi a lungo termine".

Il gioco d'azzardo sul futuro

Il disagio di Béland potrebbe essere giustificato. L'attuale modello di business di Heatmine nel pagamento di tutti i costi associati potrebbe subire un incendio se l'attuale calo nei valori di criptovaluta continua. Al momento della stesura di questo articolo, il valore di Bitcoin è inferiore a $ 4.000, un calo di quasi $ 15.000 in valore dalla fine del 2017. In effetti, il 2018 ora si presenta come un forte promemoria di come possono essere le criptovalute speculative e volatili . Una lunga recessione potrebbe costringere Heatmine a sottoscrivere una porzione minore della bolletta elettrica associata all'operazione dei suoi minatori. Sebbene ciò offrirebbe comunque ai clienti uno sconto sulle bollette del riscaldamento (e un modo più ecologicamente responsabile di trattare il calore di scarto), ma potrebbe anche introdurre un livello di imprevedibilità nei costi operativi mensili dei clienti.

hashflare cloud mining e bitcoin regulation crypto coin farm
Una miniera agricola bitcoin NurPhoto / Getty Images

Nondimeno, Heatmine si aspetta un forte interesse nella sua offerta. "Il nostro obiettivo è quello di decentralizzare un milione di GPU nei prossimi cinque anni", ha detto il direttore esecutivo di Heatmine, Jeremy Dahan, a Digital Trends.

Per arrivarci, la compagnia dovrà mirare più delle serre della provincia. "In Quebec, ci sono molte fabbriche", ha detto Dahan, "con grandi porte che si aprono 20 o più volte al giorno per l'accesso al camion. Perdono molto calore. "Una volta che Heatmine ha un punto d'appoggio con questi clienti commerciali e industriali, le installazioni residenziali sono sulla mappa aziendale. Dahan sostiene che i proprietari di case potrebbero risparmiare $ 6.000 all'anno in costi di riscaldamento della casa con un impianto Heatmine.

I vantaggi sono chiari, ma ci sono alcuni inconvenienti. L'acqua di riscaldamento che utilizza il calore della GPU dei rifiuti, sebbene sia molto rispettosa dell'ambiente rispetto a non utilizzare il calore di scarto, non è altrettanto efficiente dell'acqua di riscaldamento che utilizza un serbatoio di acqua calda dedicato. Sulla base dei numeri forniti da Heatmine e Le Caveau à Légumes, stimiamo che l'utilizzo degli impianti di Heatmine sia del 17% più costoso rispetto all'utilizzo di un sistema di riscaldamento convenzionale.

Ma forse il problema più grande è il costo ambientale della criptazione nel suo complesso. Il consumo di elettricità è solo una parte dell'equazione. L'estrazione mineraria, anche se effettuata utilizzando il metodo decentralizzato di Heatmine, è ancora un consumatore vorace delle risorse naturali necessarie per produrre le schede grafiche e le relative apparecchiature. Ciò sembra ancora più inutile se si considerano i margini di profitto in calo delle criptovalute.

Quando si tratta di esso, l'attività mineraria rimane un'attività discutibile e inaffidabile. Heatmine potrebbe aver trovato un modo per evitare gran parte della domanda elettrica in eccesso, ma ci vorrà un'ampia adozione per salvare la scarsa reputazione che la criptovaluta si è guadagnata nell'ultimo anno.

( Fonte )

Precedente L'orologio da parete Echo può aiutarti a tenere traccia di più timer Alexa Successivo Bug di Facebook Espone le foto degli utenti

Rispondi