Alcuni importanti investitori di Facebook vogliono cacciare Zuckerberg dopo gli scandali

Contrassegna l'intestazione di testimonianza di zuckerberg
Bill Clark / Getty Images

Dopo un anno di anni scandalosi di scandali sulla privacy, diversi importanti investitori di Facebook chiedono che il creatore e amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg venga rimosso dal suo ruolo di presidente alla lavagna. Mercoledì 18 ottobre, i tesorieri statali dell'Illinois, del Rhode Island e della Pennsylvania insieme al controllore di New York City hanno presentato una proposta chiedendo al consiglio di rendere la posizione del presidente del consiglio di amministrazione indipendente dal CEO della società. I quattro rappresentanti di fondi pubblici con azioni di Facebook hanno aderito a una proposta presentata dalla società di investimento Trillium Asset Management all'inizio di questa estate.

Zuckerberg funge da amministratore delegato e presidente di Facebook: la proposta punta a quest'ultima posizione, chiedendo al consiglio di amministrazione di rendere la posizione del presidente indipendente dal ruolo di CEO dell'azienda. Il gruppo dice che fare questo cambiamento non sarebbe solo nel migliore interesse degli azionisti, ma dei dipendenti, degli utenti di Facebook e della democrazia negli Stati Uniti in generale.

La proposta cita diverse recenti controversie che hanno coinvolto Facebook, incluso lo scandalo di vendita dei dati di Cambridge Analytica e l'interferenza russa nelle elezioni americane. L'elenco addebita anche Facebook con parziale colpevolezza per le violenze in Myanmar, India e Sud Sudan , oltre a consentire agli inserzionisti di escludere le minoranze e diffondere notizie false.

Dall'imbroglio di Cambridge Analytica, il prezzo delle azioni di Facebook è diminuito e la crescita è rallentata. La proposta è stata presentata dal tesoriere dello stato dell'Illinois Michael Frerichs, dal tesoriere dello stato del Rhode Island Seth Magaziner, dal tesoriere della Pennsylvania Jo Torsella e dal controllore di New York City Scott Stringer.

"I consigli di amministrazione dovrebbero essere un controllo sui team di gestione, non uno strumento per loro, e un presidente indipendente è essenziale per raggiungere quel risultato", ha detto Torsella in una nota. "Ecco perché mi unisco a questo sforzo, in modo da poter difendere gli investitori e contro il potere aziendale incontrollato del signor Zuckerberg e la minaccia che rappresenta attualmente per il valore per gli azionisti".

Il gruppo indica altre importanti società tecnologiche che hanno la posizione di presidente separata dal ruolo di CEO, inclusi Twitter, Google, Microsoft e Apple. La proposta suggerisce che il cambiamento aiuterebbe l'azienda ad avere una visione più ampia.

La proposta non è il primo tentativo di rimuovere il fondatore dalla sua posizione alla lavagna – una mossa simile è stata proposta lo scorso anno. Mentre questa è una richiesta di ripetizione, la proposta non è in grado di spodestare Zuckerberg. L'amministratore delegato ha circa il 60% dei diritti di voto nel consiglio di amministrazione, secondo la Reuters .

Il mese scorso, i co-fondatori di Instagram si sono dimessi dal gigante dei social media che possiede anche Instagram, Messenger e WhatsApp.

( Fonte )

Precedente Samsung Galaxy Book 2 integra Snapdragon 850 in Windows 2-in-1 sempre connesso Successivo Risparmia energia e denaro con uno sconto di $ 45 sul termostato intelligente Nest

Rispondi