6 miti di Instagram che dovresti smettere di credere

Instagram è diventato oggi una delle piattaforme social più importanti su Internet. È un luogo in cui connettersi con gli amici, espandere la propria sfera di influenza e pubblicizzare la propria attività a livello globale. E puoi fare tutto questo con pochi tocchi sul tuo smartphone.

Questa popolarità ha portato con sé voci e leggende metropolitane. Sfortunatamente, credere a questi miti può impedirti di sfruttare appieno Instagram. Ecco alcuni miti di Instagram che semplicemente non sono veri. Quindi, smetti di crederli e smetti di diffonderli come se fossero reali.

1. Instagram è Shadowbanning People

The Myth: Shadowbanning è la pratica di Instagram di vietare un account che ritenga inadatto. Questo può essere implementato contro qualsiasi account senza preavviso, in modo tale che l'utente non si rende nemmeno conto che il divieto è in vigore. Potresti perdere i privilegi dell'account temporaneamente o permanentemente grazie a shadowbanning.

Le persone che ritengono di essere state shadowbanner si lamentano del fatto che stanno assistendo a una significativa diminuzione dell'impegno con altri utenti di Instagram. Credono anche che i loro contenuti non vengano visualizzati nei risultati di ricerca dell'hashtag, portando a un numero inferiore di persone che vedono i loro contenuti.

La realtà: Instagram è uscito e ha chiarito che Shadowbanning non è una pratica reale. Non ti verrà vietato l'utilizzo di troppi hashtag o altre infrazioni minori. Mentre alcuni account potrebbero trovare meno visibilità per i loro contenuti, Instagram ha dichiarato che questo è il risultato di una scarsa commercializzazione e dell'uso di hashtag errati da parte del proprietario dell'account, piuttosto che il risultato di un shadowban.

Nota: dai un'occhiata a questi cinque modi in cui puoi commercializzare i tuoi contenuti Instagram in modo più efficace .

2. Sei il proprietario del tuo marchio Hashtag

hashtag coffeeshop
Immagine di credito: The Waving Cat / Flickr

Il mito: l'hashtag che crei per il tuo marchio su Instagram è di tua proprietà privata. Gli altri membri non possono utilizzare l'hashtag con il tuo brand senza la tua autorizzazione. Puoi portare una sorta di azione legale contro altri account che utilizzano l'hashtag con il tuo marchio.

La realtà: potrebbe sorprendervi sapere che non possiedi i tuoi contenuti sui social media . Ciò significa che tutto ciò che pubblichi su Instagram diventa di proprietà del sito web. Non esiste una proprietà di hashtag. Qualsiasi utente del sito può utilizzare gli hashtag che hai inventato e associati al tuo marchio. Mentre tecnicamente puoi ottenere un marchio per un hashtag specifico (ad esempio #Starbucks), non puoi impedire ad altre persone di utilizzare l'hashtag sui social media.

3. Instagram nasconde i tuoi messaggi

The Myth: Instagram nasconde i tuoi post di proposito. Pubblica una foto o un video sul tuo account, e poi più tardi quando scorri la tua timeline, il post è scomparso. Questa è una mossa intenzionale di instagram per impedire a più persone di vedere i tuoi post.

La realtà: Instagram non mostra più i tuoi post in ordine cronologico. Ciò significa che i tuoi post non verranno più visualizzati nella sequenza temporale nell'ordine in cui sono stati pubblicati. Instagram utilizza il proprio algoritmo e la cronologia precedente del coinvolgimento degli utenti per determinare quali dei tuoi post saranno di maggiore importanza per il tuo pubblico e ordinerà i tuoi contenuti di conseguenza.

Nota: d' altra parte, Instagram ora ti consente di nascondere volontariamente i tuoi post a determinati follower senza smettere di seguirli, con l'aiuto dell'opzione Disattiva.

4. Puoi comprare un seguito su Instagram

5000 follower su instagram
Immagine di credito: Anil Chudasama / Flickr

Il mito: acquistare like e follower sul tuo account Instagram è una scorciatoia per diventare un influencer di rilievo sul sito. L'algoritmo di ricerca di Instagram noterà il tuo grande numero di Mi piace e follower e sarà indotto a pensare di essere un leader nella tua nicchia. Ciò a sua volta tradurrà una maggiore visibilità sul sito e accumulerà più follower reali in un breve periodo.

La realtà: Instagram si è scontrato con falsi "Mi piace" e follower, usando app di terze parti per determinare account falsi e metterli al bando. Per molto tempo, i marchi che desiderano utilizzare gli influencer di Instagram per promuovere i propri prodotti si sono lamentati di essere stati ingannati dagli influencer che acquistano follower.

Inoltre, è stato ripetutamente rivelato che l'acquisto di follower non aiuta ad aumentare il coinvolgimento degli utenti. Lo fa solo un buon contenuto. Ora che Instagram ha aggiunto commenti filettati , ci sono conversazioni più significative sui post sul sito piuttosto che un semplice elenco di commenti non correlati.

Quindi avere un gran numero di follower falsi può creare una percezione iniziale della popolarità, ma pubblicare contenuti poveri che non vedono alcun coinvolgimento dell'utente effettivo nella forma di una conversazione significativa nella sezione commenti distrugge rapidamente quella percezione.

5. Gli account aziendali diminuiscono la tua popolarità

Il mito: passare a un account aziendale ridurrà la portata del tuo marchio. Se mantieni un account personale e anche un account aziendale e continui a cambiare account per pubblicare i tuoi contenuti, questo dividerà il tuo pubblico e ridurrà la tua visibilità complessiva sul sito. È meglio tenere un singolo account da cui postare tutti i tuoi contenuti personali e pubblici.

The Reality: Instagram tiene traccia di tutti i tuoi account personali e aziendali, e il valore di un account aziendale è lo stesso del valore di un account personale. Passare a un account aziendale non diminuirà la tua visibilità. Né diluirà il tuo marchio agli occhi dei tuoi follower, inserzionisti o Instagram stesso.

Infatti, disporre di un account aziendale ti consentirà di sfruttare la pagina di analisi delle metriche di Instagram che viene offerta a tutti gli account aziendali. La tua copertura rimane la stessa sia che tu stia pubblicando su un account personale o su un conto commerciale.

Nota: se la gestione di più account sembra un duro lavoro, Instagram ora tiene traccia del tempo trascorso con l'app .

6. Usare troppi hashtag è una brutta cosa

troppi hashtag
Immagine di credito: Elliot Brown / Flickr

The Myth: Instagram punisce gli utenti per l'utilizzo di troppi hashtag. La vista di troppi hashtag trasforma il potenziale pubblico da un post e rende anche l'algoritmo di archiviazione del contenuto di Instagram che contrassegna i contenuti come spam.

La realtà: nel mare dei contenuti su Instagram, gli hashtag sono i marcatori che vengono utilizzati per cercare i post pertinenti. Quindi più hashtag usi, meglio è (entro i limiti). Tuttavia, questi hashtag devono essere RILEVANTI, o ridurranno il valore del tuo contenuto rispetto all'algoritmo del motore di ricerca di Instagram. Quando si tratta di hashtag, la qualità deve essere la preoccupazione principale piuttosto che la quantità.

Alla scoperta del pieno potenziale di Instagram

Come puoi vedere, ci sono molti miti su Instagram che troppe persone credono ancora. Ma spero che questo articolo abbia ridimensionato alcuni di loro per te. Ancora nessuno è esattamente sicuro di come Instagram calcola e cura i suoi contenuti.

L'unico principio garantito per aiutarti ad avere successo è quello di pubblicare contenuti interessanti e utili. Puoi anche aggiungere maggiore credibilità al tuo account verificando su Instagram .

Immagine di credito: Igor Tischenko / Depositphotos

Leggi l'articolo completo: 6 miti di Instagram che dovresti smettere di credere

Fonte: makeuseof.com

Precedente Arlo punta ad alzare la posta con la nuova telecamera di sicurezza wireless 4K di punta Successivo 10 utili tweaks che migliorano l'iPhone per gli anziani

Rispondi