4 problemi comuni da sapere quando si installa una ROM Android personalizzata

custom-android-ROM-problemi

Il motivo principale per cui io e molti altri preferisco i telefoni Android su iPhone è che Google rende disponibile gran parte del codice di Android. Altri sviluppatori sono quindi liberi di creare versioni di Android con meno parti che non ci piacciono e più parti che facciamo.

Ma questa non è l'esperienza Android che si ottiene quando si acquista il dispositivo per la prima volta. Invece, devi prendere le cose nelle tue mani sbloccando il bootloader del tuo telefono e facendo lampeggiare una ROM personalizzata .

Questo è un processo tecnico che, come sottovalutazione, non è per tutti. Ho scritto su Android per anni, e continuo a considerare il processo un esercizio di pazienza. Ci sono così tanti punti in cui tutto può e spesso va male.

Ecco alcuni dei principali punti deboli in cui potresti imbatterti quando esegui il flashing di una ROM Android.

1. Installazione di ADB e Fastboot

Pagina web degli sviluppatori Android che descrive ADB

Se hai familiarità con la sostituzione dei sistemi operativi sul tuo PC, probabilmente conosci Linux. Questo processo comporta l'installazione di Linux su un CD o una chiavetta USB, il riavvio del computer e la pressione del tasto durante l'avvio che consente di caricare il sistema operativo alternativo anziché quello sul disco rigido.

Il processo su Android è molto più complicato. Non puoi ottenere usando solo il tuo telefono o tablet; hai bisogno anche di un computer. Quindi è necessario scaricare software specializzato su di esso.

Nello specifico, è necessario avere il Debug Bridge Android, meglio noto come ADB. Questa suite di strumenti include un programma chiamato Fastboot. ADB parla al telefono quando è acceso. Fastboot parla al telefono dopo il riavvio in una modalità speciale, chiamata utilmente "Modalità di avvio rapido". Entrambi gli strumenti comunicano tramite un cavo USB.

L'installazione di ADB è relativamente semplice. Vai al sito web per sviluppatori Android di Google e scarica la versione appropriata per il tuo computer. ADB supporta Windows, macOS e Linux.

Qual è il problema?

ADB e Fastboot sono entrambi strumenti da riga di comando. Piuttosto che aprire un'app e fare clic su alcuni pulsanti, dovrai imparare come aprire la riga di comando e digitare cosa fare.

L'apertura della riga di comando non è una cosa negativa, ma aumenta la quantità di conoscenze tecniche necessarie per il lavoro. La sostituzione del sistema operativo sul tuo computer non richiede la riga di comando, ma sostituisce quella del tuo telefono.

Non solo, dal momento che ADB e Fastboot non sono stati forniti con il computer, è necessario indirizzare la riga di comando nella posizione in cui è stato installato ADB. Altrimenti il ​​tuo PC risponderà solo ai comandi che digiti con confusione. Potrebbe inoltre essere necessario eseguire comandi utilizzando i privilegi di amministratore.

Nota: ci sono strumenti là fuori che possono eseguire molto di questo sollevamento pesante per te. Questi programmi non provengono da Google o da altri produttori di smartphone, né ho utilizzato una ROM personalizzata che mi ha insegnato a utilizzare tale metodo. Sentiti libero di condividere la tua esperienza con tali app nei commenti.

2. Installazione dei driver

Pagina dei driver di Motorola per i dispositivi Motorola

I dispositivi che si collegano al computer richiedono un software speciale che comunichi ai due componenti hardware come comunicare. Windows, macOS e Linux gestiscono i driver in modo diverso. Su macOS e Linux, molti driver sono integrati nel sistema operativo, mentre Windows richiede di scaricare i driver separatamente come se si trattasse di un'applicazione.

Qual è il problema?

È difficile sapere quando hai un problema con il conducente. Né ADB né Fastboot ti diranno in modo così diretto. Ma se inserisci un comando e non succede nulla, è probabile che tu abbia un problema con il driver.

Terminale Linux che mostra il comando "dispositivi adb" senza risultati

Problemi di driver possono essere difficili da schiacciare. Quando ho installato più di recente una ROM personalizzata, non ho avuto problemi a convincere ADB a riconoscere il mio dispositivo. Quando ho riavviato la modalità Fastboot, Fastboot ha riconosciuto anche il mio dispositivo.

Tuttavia, quando ho inserito i comandi Fastboot, non sarebbe successo nulla. Anche se Fastboot poteva vedere il mio dispositivo, non poteva dire al telefono di fare nulla. La maggior parte delle guide online ti dirà che se Fastboot può vedere il tuo dispositivo, hai driver funzionanti. Potete quindi immaginare la mia frustrazione mentre alla fine ho capito che, sì, i miei problemi erano legati al guidatore.

Le istruzioni online ti diranno generalmente che ADB è più facile da usare su macOS o Linux che su Windows. Eppure ho sempre dovuto mettere le mani su Windows per finire il lavoro. Linux potrebbe avere i driver per comunicare con il mio telefono, ma per qualsiasi motivo, ADB e Fastboot hanno ancora problemi. Ma quando installo i driver forniti per Windows, questo tende a funzionare bene. (Non ho mai provato ad usare un Mac.)

3. Sbloccare il Bootloader

Sito Web di HTC per sbloccare i bootloader

Un bootloader è la parte del telefono che determina il sistema operativo da avviare. Per impostazione predefinita, il bootloader avvierà solo il sistema operativo fornito dal produttore. E viene bloccato.

È necessario sbloccare il bootloader prima di poter dire al telefono di caricare un SO alternativo, che è ciò che si sta facendo quando si installa una ROM personalizzata.

Qual è il problema?

Non tutti i telefoni Android hanno un bootloader sbloccabile. Molti, se non la maggior parte, non lo sono. Tra quelli che lo fanno, devi stare attento a quale modello acquisti. La tua scommessa più sicura è quella di acquistare la versione sbloccata dal dispositivo .

Le versioni portanti sono un gioco d'azzardo. Negli Stati Uniti, i modelli GSM di AT & T e T-Mobile hanno maggiori probabilità di supportare i dispositivi CDMA di Sprint e Verizon. Ma questa non è una regola dura e veloce.

I telefoni di Google sono la scommessa più sicura. I dispositivi Pixel e la linea Nexus prima di loro sono relativamente facili da sbloccare. Sony è un'altra buona opzione. La società ti spiega come sbloccare i suoi dispositivi, offre il codice sorgente e fornisce i driver necessari per molti dei suoi dispositivi.

Il processo di sblocco del bootloader varia con il produttore. Con i telefoni di Google, è solo questione di inserire il comando corretto. Con altri marchi, potrebbe essere necessario richiedere un codice di sblocco per accedere insieme al comando. L'invio della richiesta di solito comporta la visita di un sito Web, e mentre la risposta è di solito istantanea, non è sempre così.

4. Utilizzo di un recupero personalizzato

Dopo aver sbloccato il bootloader, è ora di iniziare l'installazione della ROM personalizzata.

La maggior parte degli smartphone viene fornita con il cosiddetto recupero . Questa è la parte del telefono che carichi per riparare un sistema operativo danneggiato. Puoi cancellare il dispositivo da qui, riportando il sistema su nuovo.

Un recupero personalizzato offre più opzioni. È possibile eseguire il backup completo di tutto il software sul telefono in modo da poter ripristinare il dispositivo in modo preciso a come è ora. È inoltre possibile cancellare il vecchio sistema operativo e installarne uno nuovo, un processo noto come lampeggiante .

Qual è il problema?

I recuperi personalizzati non sono disponibili per tutti i telefoni. Anche se il tuo telefono ha un supporto ROM personalizzato, molto probabilmente c'è anche un recupero personalizzato compatibile.

A seconda del dispositivo, potrebbe non essere possibile installare un ripristino personalizzato. In questo caso, controlla temporaneamente il ripristino personalizzato senza cancellare quello attualmente disponibile sul tuo telefono.

Se hai problemi nell'installare o avviare un ripristino personalizzato, probabilmente hai problemi con il driver.

Per quanto riguarda la ROM personalizzata …

Una volta ottenuto il ripristino personalizzato attivo e funzionante, il processo è abbastanza semplice da quel punto. C'è ancora la possibilità di errori, ma sono meno probabili, e la maggior parte del pesante sollevamento è dietro di te.

Per fortuna i passaggi sopra sono in genere una volta. Se hai installato un ripristino personalizzato, non hai più bisogno del tuo PC per eseguire il flash dei nuovi SO. Tuttavia, se il telefono richiedesse l'avvio temporaneo del ripristino, sarà necessario tenere ADB e Fastboot a portata di mano sul computer.

Alcune ROM personalizzate sono stabili come una roccia. Gli altri sono un casino buggy. Quindi, a seconda delle circostanze, potresti non essere ancora fuori dai guai. Potresti decidere che una ROM personalizzata non valga la pena .

Leggi l'articolo completo: 4 problemi comuni da sapere quando si installa una ROM Android personalizzata

Fonte: makeuseof.com

Precedente J. Penney non venderà più elettrodomestici o mobili nei suoi negozi Successivo 7 film di supereroi alternativi da guardare su Netflix

Rispondi