3DMark’s Port Royal ti consente di eseguire il benchmark tracing su schede RTX di Nvidia

RTX 2080
Riley Young / Tendenze digitali

Se sei nel mercato per una delle nuove schede grafiche della serie GeForce RTX di Nvidia con funzionalità di ray tracing integrate e vuoi sapere come le carte si impilano l'una contro l'altra, allora potresti voler controllare la nuova utility di benchmark di Port Royal Underwriters Laboratories . Lo strumento, che farà parte della suite di benchmark 3D di UL, consente di misurare le prestazioni del ray tracing sulle schede di gioco.

"3DMark Port Royal è il primo benchmark dedicato al ray-tracing in tempo reale al mondo dedicato ai giocatori", ha dichiarato UL in un comunicato stampa . "È possibile utilizzare Port Royal per testare e confrontare le prestazioni di ray tracing in tempo reale di qualsiasi scheda grafica che supporta il ray tracing di Microsoft DirectX ." Port Royal annuncia ufficialmente Port Royal al GALAX GOC l'8 dicembre. Il lancio è previsto per gennaio 2019 e UL mostrerà le funzionalità dello strumento al CES di Las Vegas nello stesso mese.

Port Royal utilizza il ray tracing di DirectX di Microsoft per fornire dettagli realistici di ombre, riflessi e altri effetti visivi nei videogiochi che sarebbero difficili da ottenere se eseguiti con metodi di rendering tradizionali. UL sostiene che lo strumento è stato sviluppato con il contributo di importanti aziende tecnologiche, tra cui AMD, Intel e Nvidia. I prezzi e una data di uscita esatta per Port Royal saranno annunciati in una data futura, ha detto UL.

Nvidia ha fatto una grande scommessa sul ray tracing quando ha debuttato la sua serie GeForce RTX. Poiché ombre, luce e riflessi sono resi in tempo reale, il ray tracing rende le scene nei giochi più cinematografiche. La serie RTX di Nvidia è diventata la prima scheda grafica consumer disponibile in commercio a supportare questa funzionalità. L'ammiraglia GeForce RTX 2080 Ti costa un enorme $ 1,199 , ma le schede RTX di fascia bassa, come la RTX 2070 , partono da $ 500.

Per sfruttare il ray tracing in un videogioco, gli sviluppatori devono supportare la funzione nei loro titoli e, ad oggi, è stato annunciato solo un numero limitato di titoli che supporteranno questa tecnologia. A differenza di Nvidia, la rivale AMD sta tenendo a bada il supporto del ray tracing sulla sua scheda grafica fino a quando la tecnologia non può essere implementata su tutte le sue GPU, dal livello base a quello di fascia alta.

( Fonte )

Precedente Il visionario del design mira a spremere piccole case da 300.000 dollari nei cortili della Silicon Valley Successivo I 10 migliori componenti aggiuntivi di Google Documenti per documenti più professionali

Rispondi